Mission DAI

I PRINCIPI DELL'ASSOCIAZIONE
CON LE REGOLE DELL'IMPRESA

Leggi Tutto

2006piu autunno

SFOGLIA IL NUOVO NUMERO DEL NOSTRO GIORNALE

Leggi Tutto

LA REGIONE APPROVA IL PIANO PAESAGGISTICO REGIONALE

PiemonteIl consiglio regionale ha approvato in via definitiva il Piano paesaggistico regionale (Ppr), al termine di un lungo iter di redazione, pubblicazione, revisione e confronto. "Il Ppr - spiega la Consigliere regionale Nadia Conticelli, Presidente della Commissione Trasporti a Palazzo Lascaris - rappresenta uno strumento di pianificazione urbanistica previsto dalla legge nazionale, che intende valorizzare il territorio e riqualificarne le porzioni compromesse, considerandolo come risorsa per lo sviluppo delle comunità locali. L’adeguamento da parte dei Comuni degli strumenti urbanistici e di pianificazione al Ppr richiede tempistiche e professionalità che rischiano di mettere in difficoltà soprattutto le Amministrazioni di piccole dimensioni. "Abbiamo presentato come Partito Democratico un ordine del giorno, di cui sono prima firmataria - sottolinea Conticelli - approvato da tutta l’aula, che impegna la Giunta regionale a prevedere meccanismi di accompagnamento delle procedure di adeguamento, soprattutto laddove emergano delle difficoltà e a stanziare le risorse adeguate per un sostegno finanziario, da erogarsi anche attraverso bandi pluriennali, a favore in particolare dei piccoli Comuni".

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN MOSTRA IN PIAZZA CASTELLO

Mostra lavoroNell’ambito del 60esimo Anniversario del Fondo Sociale Europeo

100 fotografie e una ventina di video che scorrono su otto monitor, per raccontare il sistema della formazione professionale piemontese attraverso i volti e le parole dei suoi protagonisti: ragazze e ragazzi, ma anche adulti, stranieri e formatori. “Futuro, passione, lavoro: la formazione professionale in Piemonte: i volti, le esperienze e le prospettive” è il titolo della mostra fotografica con cui la Regione Piemonte intende celebrare i 60 anni del Fondo Sociale europeo. Allestita nella sala mostre della Regione, in Piazza Castello 165, dal 5 al 22 ottobre 2017, la rassegna si propone di raccontare il contributo che il Fondo sociale ha dato alla crescita e allo sviluppo del Piemonte, attraverso le immagini e le testimonianze di chi ha potuto beneficiarne in prima persona.

Il Fondo sociale europeo – spiega l’assessore all’Istruzione, lavoro e formazione professionale della Regione Piemonte, Gianna Pentenero - è diventato negli anni sempre di più volano per la creazione di posti di lavoro e l’inclusione sociale, permettendo a centinaia di migliaia di persone, in cerca di lavoro o già occupate, di formarsi e crescere. Per rappresentarlo, abbiamo scelto il tema della formazione professionale che, certamente, è solo una parte di quanto il Fondo Sociale Europeo costituisce per il Piemonte, perché siamo convinti che, nella terra dei Santi Sociali, sempre di più la creazione di nuove competenze rappresenti la carta vincente per lo sviluppo della nostra economia”.

ARRIVANO I PAPARAZZI

paparazziFotografi e divi dalla Dolce Vita ad oggi

CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia
dal 13 settembre 2017 al 7 gennaio 2018

Sono loro, è notte fonda, sono sempre appostati nelle zone buie di Via Veneto a Roma, in attesa che il profumo della mondanità porti a loro il volto di un divo, una star, un politico, che diventano inconsapevoli prede dei loro bramosi teleobbiettivi: sono i Paparazzi.
Il termine Paparazzo è nato nella felliniana “Dolce Vita” ed era il cognome del più scaltro fotografo d’assalto del film, divenuto in seguito per antonomasia la parola che racchiude tutti i fotografi scandalistici.
Il più noto di tutti gli sciacalli dello scatto è Tazio Secchiaroli, ma importanti sono anche i suoi colleghi Marcello Geppetti, Ron Galella, Lino Nanni.

RIPRENDE A SCORRERE LA STORIA DELL'ASSOCIAZIONE "AMICI DEL FIUME"

TorinoAmiciDelFiumeTorino: Grazie alla volontà dei soci, le Istituzioni torinesi e Reale Mutua

Il 30 dicembre 2016 è stato un giorno triste per i canottieri dell’Associazione “Amici del Fiume”. Infatti, proprio quella sera, un incendio (doloso) ha distrutto l’hangar con tutte le imbarcazioni. Dopo la disperazione iniziale, i soci si sono dati da fare e grazie alla loro volontà di risorgere, all’indispensabile aiuto delle Istituzioni Pubbliche e della Reale Mutua, martedì 19 settembre è stato inaugurato il nuovo hangar.

Ringrazio tutti coloro che hanno tenuto la schiena dritta e hanno lavorato con il massimo impegno alla ricostruzione – sostiene Mauro Crosio il presidente degli Amici del Fiume – è stato un momento difficile. Ho apprezzato gli atleti che anche il giorno dopo il rogo si sono allenati: non avevano più nessuna barca, nessuna certezza, ma ci hanno creduto fin dall’inizio e oggi ci siamo riusciti. La solidarietà che abbiamo avuto immediatamente dalle altre società remiere torinesi e non solo ci ha dato la forza per superare i primi momenti, ma soprattutto c’è stata nel tempo la costanza di mantenere l’impegno preso e oggi abbiamo ricostruito l’hangar e acquistato nuovamente tutte le imbarcazioni. Ringrazio ovviamente il Comune di Torino, la Circoscrizione 8 e la Reale Mutua per esserci stati vicini in un momento così difficile”.

ABELE BERGERETTI: UN VERO MAESTRO DEL GIORNALISMO

Abele BergerettiIl nostro direttore, fino al 26 settembre in Tanzania per un reportage sulle opere di Cefa, la ong di Mcl, ricorda una grande figura del giornalismo e della cultura non solo locale, Abele Luigi Bergeretti (mancato lunedì scorso)

Apprendo la notizia mentre sono "in giro per il mondo". Questa volta letteralmente e non come lui mi accusava di essere invece di "mandare i pezzi" (avevamo concezioni diverse della puntualità; e sulla mia, giustamente, in molti hanno da eccepire). A Dar es Salaam il wi-fi è ballerino, solo ora è arrivata il whatsapp che mi annuncia che Abele Luigi Bergeretti è mancato. Un vero maestro di giornalismo, che mi portò a "La Valsusa", all'alba del nuovo millennio, osando una fiducia che molti "sapienti locali" sconsigliavano di accordarmi. Ha saputo essermi vicino in successivi momenti difficili; a modo suo, ma solo a modo proprio si è se stessi. Tante volte non ci siamo capiti, ma mai ha perso uno sguardo buono su di me.

DAI FUNZIONA!

Dicono di Noi

Rassegna degli articoli di stampa dedicati al DAI

Consulta Tutti

In gruppo, l'unione fa la forza


Il DAI (acronimo di Dignità Azione Italia) è un gruppo sorto spontaneamente, nel 2013, su iniziativa del compianto Gianfranco Scarpa e di alcuni imprenditori. Sin da subito, si è strutturato per essere un’organizzazione capace di creare una concreta solidarietà nel campo del lavoro, favorendo la nascita di collaborazioni in grado d’incrementare le possibilità di business e di sviluppare nuove prospettive.

L’obiettivo è quello di “fare sistema”, agendo sia come un Gruppo di Acquisto Solidale, sia come un influente Gruppo d’opinione.
Dalla fondazione, il Gruppo ha incrementato gli affiliati, il raggio d’azione e i territori in cui è presente.

Il DAI sviluppa la propria azione attraverso Workshop periodici, Gruppi Territoriali e Seminari. È dotato di un Comitato Scientifico. Ha in “2006più Magazine”, edito da Echos Group, la propria “voce”. Informa anche attraverso la e-newsletter periodica “Dai News”.

Il Gruppo è aperto a nuovi ingressi

Richiedi Informazioni

Newsletter

Contattaci

info@daiimpresa.it

Via Avigliana,9 - Avigliana (TO)

342.979.36.73